JA slide show

 

Ma, quante cose possono evocare il concetto di "stanza"...

La stanza può essere un rifugio, una tana, un posto dove chiudersi nei propri pensieri oppure dove aprirsi agli amici. Le Stanze di Federico sono tutto un'altro mondo... C'è chi ride, chi scrive, chi suona, chi dorme, chi cucina, chi parla un po' troppo, chi sbaglia il nome dell'etichetta discografica, chi crea, chi fa da sveglia al gruppo, ci sono anche gatti e cani in questo "labirintico spazio di creazione".

A far diventare Le Stanze di Federico così variopinte e interessanti sono Federico Galli(cantautore, compositore e creatore della band) e Alessandro AL_MA Mazzola (batteria).

Il nome della band fa riferimento all’ambiente nel quale nasce e si sviluppa il loro progetto musicale. Le Stanze sono nate spontaneamente, dall’unione di alcuni giovani musicisti provenienti da Abruzzo, Sicilia e Lazio e soprattutto con esperienze musicali diverse, i quali sistematicamente e per lunghi periodi, si riuniscono nello studio di registrazione Gallirecords, che diventa il posto dove creare, suonare e...vivere. E’ all’interno di queste “stanze” che nasce la loro musica. E’ grazie alla convivenza e al lavoro costante ed intenso che il progetto prende vita ed il gruppo cresce e matura. La loro caratteristica principale è proprio la fusione di elementi provenienti dai più svariati generi musicali: pop, reggae, funky, rock e folk si fondono insieme all’interno dello stesso brano. Ognuno ha il suo ruolo, ognuno mette a disposizione del gruppo la propria creatività. Provenendo da esperienze musicali diverse, hanno dato vita ad un sound che può definirsi uno stile proprio e caratteristico, non identificabile con altri. Federico Galli, front man del gruppo, compone canzoni dall’età di dieci anni ed ha all’attivo molte pubblicazioni e “feat” tutte di sua composizione.

Nella sua attuale formazione, la band è composta da elementi eterogenei provenienti da diverse esperienze musicali.

Alessandro Al-Ma Mazzola, diplomato in batteria e percussioni all'Accademia romana “Scuderie Capitani” ed insegnante della stessa scuola, ha già pubblicato due singoli “In bilico” e “Il nostro tempo” uscito la scorsa estate”.

Piero Garone, la chitarra della band, è diplomato al Conservatorio e al C.P.M. di Milano, prestigiosa scuola diretta dal grande Franco Mussida.

La loro musica è fresca, frizzante. I testi delle loro canzoni diretti e veri…

In un contesto estroso e creativo, quello delle stanze "reali" dove la band si muove creando, inventando e… vivendo, nascono i cinque singoli: "Così come sei", "Satelliti", "Come il sole", "Mi manchi", e "Direzioni", ma è grazie a “L'Italiano Medio”, omaggio al primo lungometraggio firmato Maccio Capatonda (“Italiano medio”, appunto, film uscito lo scorso gennaio e campione di incassi 2015) che la band inizia a sentire aria di cambiamenti. Con il brano, apprezzato dallo stesso Maccio e da più di 4mila fan che lo hanno votato sul web, la band è arrivata tra i 12 finalisti al Contestaccio di Roma, un concorso nato per dare spazio alla musica emergente e ai giovani artisti, e dare loro la possibilità di salire sul palco di San Giovanni a Roma, il primo maggio. Le stanze di Federico sono riuscite a distinguersi sul palco del Contestaccio, coinvolgendo il pubblico presente e ottenendo un'ottima recensione da parte della giuria di qualità che ha evidenziato altri aspetti del mondo di Federico meritevoli di considerazione. La band abbruzese è stata infatti apprezzata non solo per la sua performance sul palco, ma anche per molti altri "prodotti extra settore (mettiamola così) che danno la misura dell'ambizione della band pescarese", scrive Fabrizio Galassi, giornalista e giurato al contest di Roma. Galassi si riferisce in modo particolare alla “serie de Le stanze di Federico”, ovvero divertenti parodie di stralci di vita vissuta quotidianamente dai quattro ragazzi. Un modo insolito e originale di tirare fuori una creatività che emerge sotto mille sfaccettature.